Pesaro sceglie McDuffie: nuovo rinforzo americano per la squadra di basket

Pesaro sceglie McDuffie: nuovo rinforzo americano per la squadra di basket
McDuffie (Instagram)

La Vuelle non ha saputo tenere il passo. Nonostante l’effetto novità generato dall’inserimento di Maretto nello starting-five e un Quincy Ford insolitamente combattivo, la squadra di Pesaro ha vissuto una scintilla di potenziale che si è spenta troppo presto, durata appena 13 minuti sul parquet di Napoli. L’arco del vantaggio, sfumato con il punteggio di 28-29, si è rivelato un fuoco di paglia: successivamente, Pesaro ha incancrenito nelle maglie della partita, aggiungendo al tabellone solo 4 punti nei restanti 7 minuti del primo tempo, disfacendo quanto costruito con fatica.

Le speranze di un riscatto post-intervallo sono state disilluse. La già salata distanza di 14 punti ha subito un’impennata, balzando velocemente a 20, e poi, con un’escalation che ha fatto tremare il tifo, a 30 nell’ultimo quarto. La riduzione del gap a -18, conseguita quando sul parquet troneggiavano Biar, Ebeling, Bamba e il giovane 17enne Saccoccia, non può essere definita una rimonta, né tanto meno un conforto. Per di più, Alessandro Lever si è trasformato in una rivelazione, viaggiando ben al di sopra della sua media stagionale con 13 punti e 6 rimbalzi, emergendo in un ruolo di ala forte dove la Vuelle ha mostrato troppa fragilità.

Di fronte a una tale situazione, si avverte il fermento di una revisitatione strategica sul mercato. Con il prossimo rientro di Scott Bamforth, che dovrebbe almeno sedere in panchina contro Milano, l’ipotesi di cercare una guardia sostituta sembra perdere di appeal, per evitare sovrapposizioni e lasciare scoperti altri ruoli.

McDuffie ha fame di nuove avventure

Meo Sacchetti pare orientato a rinvigorire la squadra con qualità e atletismo nel ruolo di ala, e gli occhi sono puntati su Markis McDuffie, ex giocatore di Napoli, tagliato a dicembre dal Turk Telekom Ankara. McDuffie, leggero ma atletico e dotato di un notevole tiro da tre, sembra il tassello mancante per il mosaico di gioco del tecnico.

In questo scenario, le pedine potrebbero essere rimescolate: Bluiett e Ford rischiano di pagare dazio, ma Ford ha già dimostrato di poter ricoprire molteplici ruoli. A Napoli, Ford ha lottato per tenere a galla la squadra, anche se si è smarrito quando non ha trovato supporto. Nonostante tutto, ha portato a casa ben 8 rimbalzi, mentre Bluiett, che sembra aver perso la sua prerogativa del tiro da tre, ha raccolto solo nelle fasi meno critiche della sfida.

Il tempo, però, gioca contro la Vuelle. McDuffie si trova oltreoceano e deve ancora ottenere il visto, il che rende improbabile il suo tesseramento per l’imminente confronto con l’Armani Milano. Gli occhi sono tutti puntati sulla partita del 28 gennaio contro Brindisi: dopo aver già sconfitto la Happy Casa sul loro campo, una vittoria alla Vitrifrigo Arena potrebbe essere decisiva. Tuttavia, l’idea di lanciare un nuovo acquisto in una sfida cruciale e attendersi prestazioni straordinarie non è una scommessa da prendere alla leggera. Nel calcio, come nella vita, non ci sono certezze ma solo attese cariche di speranza e tensione.