Luka Modric al bivio: verso un’ultima danza con il Real Madrid?

Luka Modric al bivio: verso un’ultima danza con il Real Madrid?
Modric (Instagram)

Mentre le pagine del calendario scorrono verso la fine della stagione calcistica, il destino di Luka Modric, l’incantevole regista del Real Madrid, fluttua in un mare di speculazioni e aspettative. Con un contratto in scadenza a giugno e un’età che sfiora i quarant’anni, molti si aspetterebbero un addio, un commiato da una luminosa carriera lunga 12 anni nei panni di un Merengue. Eppure, il mago croato, insignito del Ballon d’Or nel 2018, sembra voler sfidare il tempo ancora una volta.

Modric, che ha abbellito Madrid con la sua maestria dal lontano 2012, sta dimostrando una vitalità calcistica che sfida la sua età anagrafica. Il centrocampista, nonostante i suoi 38 anni, non ha alcuna intenzione di appese le scarpe al chiodo, non ancora. La sua classe immutata sollecita un dibattito acceso nei media spagnoli, che si chiedono se il futuro di Modric sia al fianco del suo attuale allenatore, Carlo Ancelotti, all’interno dello staff tecnico, o se piuttosto lo vedremo sbarcare in lidi esotici o tornare alle origini in patria.

Non si tratta solo di chiacchiere da bar, ma di un’ammirazione profonda e sincera che Ancelotti non manca mai di esprimere quando si parla del suo numero 10. Il tecnico italiano, superate presunte tensioni passate, ha sempre parole al miele per Modric, un giocatore che, nonostante il naturale declino del minutaggio in campo dovuto all’età, ha continuato a dare dimostrazioni magistrali di cosa significhi essere un campione, sia in termini di presenze che di prestazioni.

La sua ultima esibizione, durante l’indiscussa vittoria per 4-0 del Real sul Celta Vigo, è stata una sinfonia di calcio che ha rimandato ai giorni di gloria del croato, con statistiche che pochi possono eguagliare. Il suo contributo sul campo è stato una dimostrazione di superiorità tecnica che ha incantato tifosi e critica.

La domanda che ora si impone è se questo maestro del centrocampo possa indossare la maglia bianca del Real per un’ulteriore stagione. Ancelotti non nasconde il desiderio di tenerlo con sé, consapevole del vuoto che lascerebbe il suo numero 10. La palla, ora, sembra essere passata a Modric, che potrebbe essere determinato da una motivazione storica: entrare ulteriormente nella leggenda del club.

Sebbene Modric non possa aspirare a superare il record di presenze di un giocatore straniero detenuto da Karim Benzema, c’è un’altra pietra miliare che potrebbe invogliare il croato a rimanere: diventare il giocatore più anziano a scendere in campo per il Real Madrid, superando la leggenda Ferenc Puskas. Per farlo, dovrebbe giocare una partita almeno fino al 15 ottobre 2024.

Quindi, potrà la prospettiva di una tale impresa, unita alla possibilità di condividere il campo con talenti come Kylian Mbappé, convincere Modric a regalare al Bernabeu un’ultima danza? Gli appassionati e gli addetti ai lavori attendono con trepidante attesa la risposta che arriverà nelle settimane a venire.