La proposta – Non solo di intitolare lo stadio a Maradona, ma di riqualificare lo storico centro d’allenamento del Napoli, creando un museo del Pibe de oro ed un centro per le giovanili

Con la morte di Diego Armando Maradona, Napoli ha fatto ancora una volta del dolore profondo e delle lacrime sincere una perfetta sintesi di creatività e memoria. Soprattutto allo stadio San Paolo in quello che ormai tutti hanno ribattezzato il memoriale del futuro stadio Maradona, una rete metallica posta alle spalle della curva B divenuta sacrario e impreziosita con ciò che di più caro ogni tifoso custodiva in casa, implicita, sembra farsi Largo un’altra richiesta dei napoletani alle istituzioni, non sono uno stadio con il suo nome entro poche settimane ma un museo permanente, dedicato alla grandezza di Diego e del Napoli un progetto caduto nel vuoto con altri grandi della napoletanità: da Totò, Eduardo passando per Caruso, ma l’idea già c’è, potrebbe ricalcare la “Mostra Napoli nel mito” che grande successo ebbe quasi 3 anni fa al Museo Archeologico Nazionale. E sul luogo nessuno ha dubbi, riportando agli antichi fasti quel centro Paradiso di Soccavo già a casa Azzurra dagli anni 70 fino al fallimento del 2004 e dove Il Diez amava esibirsi in acrobazie, rovesciate, e bagni nel fango specie negli affollati allenamenti a porte aperte del giovedì.

Maradona in allenamento al centro sportivo Paradiso di Soccavo

Peccato che oggi somigli più a un inferno che un paradiso, abbandonato come è da 16 anni. Del terreno di gioco non resta ormai più nulla se non una distesa di erbacce una porta è stata rubata l’altra invece ormai totalmente avvolta dalla vegetazione così come gli spalti e la scritta società sportiva calcio Napoli Spa posta all’ingresso della sede sociale sono stati Inoltre trafugati infissi degli uffici delle camere d’albergo che ospitavano i calciatori in ritiro e degli spogliatoi eppure con un pizzico di immaginazione e buonavolontà si può immaginare un centro Paradiso riqualificato e riaperto intitolato Maradona con padiglioni che riuniscono i cimeli più belli della storia Azzurra con campi dove più piccoli o le giovanili del Napoli muovano i primi passi sapendo che su quella stessa erba il Dio del calcio prendeva in giro i mortali del pallone 

Se credi anche tu che il centro Paradiso possa cambiare, firma la petizione, non ci vuole nulla!

Clicca qui: PETIZIONE MUSEO MARADONA CENTRO PARADISO SOCCAVO

FOTO- Il centro sportivo paradiso oggi

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui