Juventus rinnova l’interesse per Samardzic: la trattativa prende forma

Juventus rinnova l’interesse per Samardzic: la trattativa prende forma
Samardzic (Instagram)

L’orizzonte calcistico di Lazar Samardzic continua a essere intriso del bianconero della Juventus. Il centrocampista serbo-tedesco dell’Udinese non fa mistero del proprio appeal per la Vecchia Signora, destinazione che lo stuzzica non poco. È stato un bersaglio nel mirino dei torinesi già la scorsa estate e durante il mercato di gennaio. E, si sa, l’interesse non sembra essere affievolito, anzi, tutto lascia presagire che si rinnoverà con vigore alla prossima finestra di trasferimento estiva.

Questa sera, Samardzic avrà l’occasione di calpestare il prato dell’Allianz Stadium, in una partita che potrebbe assumere contorni di audizione di lusso. A testimoniarlo, ci sarà una presenza speciale sugli spalti: la sua famiglia e soprattutto il padre Mladen, che, oltre a rivestire il ruolo di genitore, è anche il custode degli interessi professionali del figlio. Mladen si trova oggi a Torino, un segnale che potrebbe non essere casuale.

La serata di calcio si prospetta, quindi, come una perfetta opportunità affinché la Juventus e l’entourage del giocatore tessano ulteriori trame di un rapporto che, nonostante qualche scossone passato, come la rottura tra la famiglia Samardzic e Rafaela Pimenta, non ha smesso di essere fertile. Tra Cristiano Giuntoli, capo dell’area sportiva bianconera, Giovanni Manna, direttore sportivo, e il padre-agente Mladen, si respira un’atmosfera di cordialità.

Su Samardzic non si è mossa solo la Juve

L’incontro odierno sarà l’occasione ideale per fare il punto della situazione e, forse, per muovere qualche pedina in vista del futuro.

Ripensando a gennaio, alla Continassa si era valutata l’idea di anticipare i tempi, di accogliere Samardzic a braccia aperte prima del previsto. Ma le dinamiche finanziarie, in particolare l’indice di liquidità del club, avevano imposto una frenata: la Juventus aveva proposto un prestito senza obbligo di riscatto, la medesima formula poi adottata per Carlos Alcaraz. L’Udinese, però, aveva blindato il suo gioiello, lasciandolo nelle fredde lande del Friuli.

Con l’arrivo dell’estate, le carte potrebbero essere rimescolate. La Juventus si affida all’indiscussa determinazione di Samardzic a traslocare a Torino, puntando a chiudere l’affare alle condizioni che preferisce, ovverosia un prestito con opzione d’acquisto. Al contrario, l’Udinese mantiene ferma la propria barricata: o un trasferimento immediato a titolo definitivo, o un prestito con un obbligo di riscatto a non meno di 25 milioni. Da qui a giugno, il tempo è dalla parte della Juventus, con le sorti dell’Udinese in campionato che possono influenzare il corso degli eventi, rendendo il giocatore potenzialmente più abbordabile in caso di retrocessione.

In conclusione, questa serata potrebbe essere decisiva per la dirigenza bianconera, che nella presenza di Mladen Samardzic a Torino può intravedere l’opportunità di avanzare nella trattativa, mettendo un’ulteriore freccia al proprio arco nella corte al giovane talento.